Vai al contenuto

A che cosa servono le razioni K?

Le “razioni K” sono dei kit di sopravvivenza alimentare, leggeri di peso e poco ingombranti, di cui vengono forniti tutti i militari in missione a partire dalla Seconda guerra mondiale. Non si tratta dunque di cibi di cui i soldati si alimentano abitualmente, ma di prodotti a lunga conservazione in grado di offrire una razione di emergenza energetica. La razione alimentare K, infatti, comprende tre pasti (colazione, pranzo e cena) a base di cibo in scatola (tortellini al ragù) e soprattutto di barrette energetiche, biscotti, grissini, cioccolato ed energy drink. Queste razioni furono inventate dal nutrizionista americano Ancel Keys negli anni Quaranta, quando i soldati americani, soprattutto le truppe speciali, come quelle paracadutate, potevano trovarsi in zone isolate e lontane dal campo base. In Italia, dove già dalla Prima guerra mondiale esisteva cibo pronto all’uso custodito nel tascapane, la prima vera razione K risale al 1952: era costituita da una scatoletta di carne e da 500 g di biscotti salati.

Fonte Rivista FocusD&R

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: