Vai al contenuto

Patuanelli: “Oggi a Taranto abbiamo sottoscritto alcuni accordi previsti nell’ambito del Contratto Istituzionale di Sviluppo per la riconversione industriale, culturale ed economica del territorio. ”

Di Stefano Patuanelli – Ministro Dello Sviluppo Economico

Oggi a Taranto abbiamo sottoscritto alcuni accordi previsti nell’ambito del Contratto Istituzionale di Sviluppo per la riconversione industriale, culturale ed economica del territorio.

Tra gli accordi, due sono quelli promossi dal Ministero dello Sviluppo Economico.

L’insediamento del gruppo Ferretti che si occuperà della reindustrializzazione nell’area dell’ex Yard Belleli, determinando l’impiego di circa 400 lavoratori, con un investimento pubblico di 35 milioni di euro per la bonifica, e un investimento privato di 85,3 milioni di euro per l’industrializzazione, con un particolare focus su #ricerca e #sviluppo.

È stato inoltre sottoscritto, dai Commissari ex Ilva e dai Sindaci, il Piano relativo agli interventi volti a garantire sostegno sociale e assistenziale per le famiglie disagiate dei comuni di Taranto, Statte, Crispiano, Massafra e Montemesola. A tale scopo, il 7 agosto 2020 ho firmato un decreto per autorizzare l’impiego di 30 milioni di euro in tre anni. Fondi a disposizione dell’amministrazione straordinaria dell’ex Ilva che serviranno a realizzare un ‘Piano di rigenerazione sociale’ dell’area tarantina, prevedendo azioni sia materiali che immateriali tese a contrastare marginalità sociale, deprivazione culturale, dispersione scolastica, disagio e devianza minorile, emergenza abitativa. Il Piano coinvolgerà i 5 Comuni insieme alla struttura commissariale del sito siderurgico, con un monitoraggio periodico da parte del MiSE.

Sempre in una visione di riqualificazione della città di Taranto, oggi è stata posta la prima pietra del nuovo Ospedale ‘San Cataldo’, che sarà realizzato in 399 giorni e avrà 715 posti letto. Nel porto di Taranto, inoltre, nascerà un nuovo laboratorio scientifico merceologico grazie ad un investimento di 6,6 milioni di euro e l’ex banchina torpediniere, invece, diventerà un approdo per navi da crociera e maxi yacht. Alcuni edifici esistenti saranno recuperati per realizzare l’acquario #green, destinato al ricovero per cetacei e cetaceo terapia per disabili e autistici. L’acquario sarà realizzato entro il 2026 quando, proprio a Taranto, si disputeranno i Giochi del Mediterraneo. Un intervento di 203 milioni di euro, inoltre, consentirà l’ampliamento della stazione navale così da renderla un’infrastruttura adeguata alle necessità di ormeggio e di impiego delle nuove unità navali della marina.

Ringrazio tutti i Sindaci per la grande competenza e capacità dimostrata nell’individuare i progetti di questi grandi interventi di cui il territorio tarantino, così ferito, ha tanto bisogno. È necessario che si faccia buona politica per creare buoni posti di lavoro, e credo che siamo sulla strada giusta: finalmente i progetti che erano sulla carta stanno arrivando a terra.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: