Vai al contenuto

Migranti, Conte: «Non si entra in Italia in questo modo. Dobbiamo essere duri e inflessibili»

 

«Ci sono migranti che tentano di sfuggire alla sorveglianza sanitaria: non ce lo possiamo permettere. Dobbiamo essere duri e inflessibili. Non possiamo permettere che i sacrifici” fatti dal Paese per la crisi Covid “siano vanificati. Dobbiamo intensificare i rimpatri».

Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, durante una visita in Puglia.

«Stiamo collaborando con le autorità tunisine, è quella la strada. Io stesso ho scritto al presidente tunisino una lettera. Dobbiamo contrastare i traffici illeciti e i gruppi criminali che li alimentano. Dobbiamo intensificare i rimpatri. Abbiamo fatto una riunione con i ministri competenti, siamo in quotidiano contatto con i ministri Di Maio, Lamorgese, Guerini, De Micheli. Stiamo lavorando per evitare che questi traffici possano continuare: non si entra in Italia in questo modo e in questo momento di fase acuta non possiamo permettere che la comunità nazionale sia esposta a ulteriori pericoli, non controllabili», ha fatto sapere Conte.

Quanto all’aumento del numero di arrivi dalla Tunisia, il premier ha detto: «Stiamo collaborando con le autorità tunisine: è quella la strada. Io stesso ho scritto una lettera al presidente tunisino e sono contento che abbia fatto visita ai porti per rafforzare la sorveglianza costiera. Dobbiamo contrastare i traffici, dobbiamo contrastare l’incremento degli utili da parte dei gruppi criminali che alimenti questi traffici illeciti».

«Noi abbiamo affrontato l’emergenza Covid-19 mettendo al primo posto la salute, avendo ben chiara la gerarchia dei valori costituzionali abbiamo messo al primo posto la tutela della vita e della salute dei cittadini», ha ricordato Conte, aggiungendo che «siamo comunque responsabili: non possiamo trascurare e rimanere indifferenti alla recessione economica che l’Italia, l’Europa e tutto il mondo sta affrontando. Ma al primo posto sappiamo cosa c’é ed è per questo che raccomandiamo che si continuino a rispettare quelle minime regole precauzionali. So com’è utilizzare una mascherina, anche d’estate… ma è doveroso».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: